ÁREAS TEMÁTICAS E PROPOSTAS

ÁREAS TEMÁTICAS E PROPOSTAS
Foto: Formação continuada - Jornada Pedagógica Curaçá-BA, 2014 (veja Post a seguir)

quinta-feira, 13 de abril de 2017

Benvenuta Equipe BEA 2017

Accoglienza all'aeroporto e visite All'APAE e alla FINASE CASEM di Petrolina
"Perché avete scelto il Brasile e il Progetto BEA per questa esperienza?"
Ha chiesto il coordinatore pedagogico, Ilson Borges, a Elena B. e Paolo P. durante la visita di ieri alla FUNASE CASE.

"Ho scelto il Brasile perché ho già fatto un’esperienza formativa e di vita molto importante due anni fa a Rio de Janeiro. Credo che per conoscere a fondo un contesto, una realtà e una cultura sia necessario anche tornare, avere tempo, soprattutto se si vuole fare ricerca e magari comparare diverse realtà.
Ho scelto il Progetto BEA perché lo conoscevo già e perché credo sia ideale per il mio percorso di studi e per questa nuova esperienza formativa." risponde Elena.
Visita alla FUNASE CASE di Petrolina
Poi è la volta di Paolo: 
"Ho sempre avuto il desiderio di conoscere questo paese e credo che un’esperienza in un altro contesto, in un’altra cultura, sia molto importante per me come persona e come futuro professionista. Il Progetto BEA mi sta dando la possibilità di coniugare i due aspetti.
Sono venuto a conoscenza di questa possibilità grazie alla testimonianza di tre colleghe studentesse sull’esperienza di tirocinio svolto qui a Petrolina. Ho potuto conoscerle di persona ed avere maggiori informazioni riguardo al progetto."

Ho sempre riflettuto molto sulla motivazione che spinge una studentessa o uno studente universitario a scegliere di vivere un’esperienza di tirocinio formativo all’estero.
Una scelta che, per l’esperienza vissuta con i quasi 50 studenti UNIPD che hanno sviluppato il tirocinio con il Progetto BEA, è impegnativa sotto molti punti di vista e spesso arriva da lontano.
Magari da un sogno, che ha avuto bisogno di mesi o addirittura anni per essere interiorizzato, metabolizzato e ..reso realtà concreta.
Ritenendo che la motivazione sia qualcosa che determina il successo dell'intera esperienza, il percorso promosso dal Progetto BEA propone attività specifiche su questo aspetto sin dalla formazione pre-partenza.
Accoglienza della PROEX, UNIVASF Università Federale del Medio San Francisco
D’altra parte, la motivazione è qualcosa di fondamentale anche per i diversi 'Partner' del Progetto BEA (Enti e persone) che ‘scelgono’ di  accogliere uno studente straniero per un’esperienza di tirocinio attraverso l’approccio del Service Learning.
E' impensabile un successo dal punto di vista della formazione per gli studenti e del servizio alla/con la comunità se Motivazione e Scelta non sono fra i principali aspetti dell'intera proposta.
Benvenuta Equipe BEA 2017!
Buon cammino, Nicola Andrian

terça-feira, 4 de abril de 2017

'BEA Centro di Estudos e Práticas' e Università di Padova - Convenzione di Tirocinio, Convênio de estágio

Il BEA Centro di Estudos e Práticas firma una Convenzione con l’Università di Padova e, in qualità di Ente tirocinante, accoglie il suo primo studente del Corso di Scienze dell’Educazione e della Formazione, FISPPA, UNIPD.
Attraverso un accordo firmato ancora nel 2014 con l'Associazione di Promozione Sociale En.A.R.S., il Centro co-coordinerà le attività formative del ‘Progetto BEA’ in Petrolina-PE.

O BEA Centro de Estudos e Práticas assina um Convênio com a Universiade de Padova, Itália, para cuidar de estágios no exterior e acolhe o seu primeiro estudante do Curso de Ciências da Educação, FISPPA, UNIPD.

No específico, através do Convênio assinado con a Associação de Promoção Social En.A.R.S. de Padova, o Centro cuidará do desenvolvimento das atividades formativas do ‘Progetto BEA’.


sexta-feira, 2 de dezembro de 2016

Il Service Learning. Apprendere partecipando a progetti socialmente significativi

TEMPO. ORGANIZZAZIONE. DIDATTICA
Vicenza, 2 dicembre 2016
Nuove Forme di organizzazione del tempo dell'apprendimento tra competenze informali e trasversali, buona scuola e buon lavoro.
Sessione Laboratori: 14.00 - 17.00
IIS "A Da Schio", Via Baden Powell 33, Vicenza

Laboratorio 5: Service Learning, apprendere partecipando a progetti socialmente significativi.
Conduce Nicola Andrian (PhD Student - UNIPD, Coordinatore Progetto BEA - En.A.R.S.)

sábado, 24 de setembro de 2016

FUNASE CASEM - Treinamento profissional sobre a Comunicação Assertiva e a Relação Educativa

Treinamento profissional sobre as relações interpessoais e as dinâmicas de grupo na FUNASE CASEM, Petrolina-PE. 1^ Etapa, 29 de Agosto – 19 de Setembro de 2016


A sensação comum é a de que Alcançamos juntos os objetivos deste projeto ao longo de 5 semanas de treinamento!!
Era um belo desafio tendo em conta que foi o projeto Piloto em uma instituição como a FUNASE CASEM.
Como treinador/facilitador sinto-me plenamente satisfeito e pronto para .. a segunda etapa.
Um agradecimento especial a direção e a coordenação da Instituição.
Nicola Andrian

Justificativa:
              A dimensão da comunicação interpessoal como componente prioritária da ‘Relação Educativa’ e do trabalho em equipe ainda encontra pouco espaço nos percursos de formação continuada ou treinamento de profissionais que atuam em contextos educativos extraescolares.
Por contra, diferentes linhas de pesquisa e atuação no Brasil, como no mundo inteiro, relatam a suma importância desta abordagem tão necessária principalmente atuando em contextos de vulnerabilidade social e/ou conflito com a lei.
O presente projeto pretende proporcionar momentos de reflexão e prãtica sobre os conceitos teóricos e metodologicos e as técnicas básicas da Comunicação Assertiva, no específico da Escuta Ativa, e da Relação educativa contextualizados na realidade da FUNASE CASEM, Casa de semiliberdade, de Petrolina.
  

A presente proposta ‘piloto’ nasce de uma douradoura e frutífera colaboração técnica entre a FUNASE CASEM, Petrolina-PE e o ‘Progetto BEA’ promovido pela Associação de Promoção Social En.A.R.S de Padova, Itália em colaboração com o ‘BEA Centro de Estudos e Práticas’ de Petrolina-PE.



Objetivo Geral:
Compreender a importância da comunicação interpessoal e da relação educativa em contextos socioeducativos que abordam as condições de vulnerabilidade social e conflito com a Lei.
Objetivos específicos:
  • Vivenciar e compreender a importância da comunicação e do trabaho em equipe.
  • Refleter sobre conceitos tais quais a Humanização da relação interpessoal
  • Aplicar as técnicas básicas da Comunicação Assertiva e da Escuta Ativa em uma Relação Educativa com adolescentes em conflito com a Lei
Conteúdos:
  • A Humanização da Comunicação;
  • O trabalho em equipe: a Percepção e a Interpretação;
  • A Comunicação Assertiva: a Escuta Ativa e Confiança.
Fundamentação Teórica:
A Assertividade: Os dois psicólogos Robert Alberti e Michael Emmons publicaram no ano de 1978 o livro ‘Your perfect right: a guide to assertive behavior’ (Seu direito perfeito: um guia do comportamento assertivo).
Eles definem a assertividade da seguinte maneira: “A conduta que permite que uma pessoa aja de acordo com seus interesses mais importantes, defender-se sem ansiedade, expressar comodamente sentimentos honestos ou exercer os direitos pessoais sem negar os direitos dos outros”.
A capacidade de auto-afirmar-se sem adotar estilos comunicativos agressivos ou passivos e no pleno respeito do interlocutor. Uma ‘ferramenta’, a assertividade, ainda pouco conhecida e explorada pelos profissionais da área socioeducativa.
A Relação Educativa: Para Carl Rogers, a Relação educativa é uma relação na qual uma pessoa se compromete a facilitar o crescimento e a maturidade do outro que não está configurado como um sujeito a ser manipulado, mas como uma pessoa capaz de auto-afirmação e auto-realização. A relação de ajuda/educação é baseada em três condições fundamentais: a congruência, a consideração positiva incondicional e a empatia.
A congruência: é a consciência do educador de seus sentimentos e experiências, tais como surgem em relação ao educando, sem tentativas de nega-los ou distorcê-los.
A consideração positiva incondicional: é baseada no respeito pela pessoa reconhecida como um ser único e original, em sua totalidade, com defeitos e qualidade, sem críticas ou julgamentos.
A empatia: é a dimensão que mais especificamente deve conotar um relacionamento genuíno de ajuda/educação, indicando a capacidade de se colocar no lugar do outro, de perceber com sinceridade e respeitar o mundo interior, o conteúdo emocional e cognitivo do outro.
Considerando os contextos extraescolares no geral e a FUNASE CASEM Petrolina como referência específica para este projeto, torna-se bastante significativo o pensamento de Paulo Freire: “Ninguém educa ninguém, ninguém educa a si mesmo, os homens se educam entre si, mediatizados pelo mundo”.
Metodologia:
Em cada encontro e de forma completamente interativa e em constante alternância são abordados e trabalhados os Conteúdos e a Relação entre os participantes.


Avaliação:


N.11 Fichas de avaliação entregue no final da última tarde de treinamento.
Conteúdos:
 Relevância na Prática

 Metodologia


segunda-feira, 18 de julho de 2016

sábado, 4 de junho de 2016

“… armonizzare il linguaggio della Testa con il linguaggio del Cuore e il linguaggio delle Mani.” (Papa Francesco)

“… armonizzare il linguaggio della Testa con il linguaggio del Cuore e il linguaggio delle Mani.”
(Papa Francesco)
Uno dei messaggi forti che hanno caratterizzato e dato senso alla prima giornata del Seminario Cátedras Scholas ... 

Video: Seminario cátedras Scholas (Ecco cos'è in meno di due minuti)

Mentre sono ripreso tengo in mano un 'Cuore' costruito dalle 'Mani' degli adolescenti del carcere mnorile di Petrolina (FUNASE CASEM) e di Veronica Urbani, studentessa UNIPD che sta svolgendo il tirocinio formativo al Progetto BEA, cercando ogni giorno il delicato equilibrio fra la teoria (la 'Mente' ) e la prassi, fra l'Apprendimento e il Servizio.
...
A nome del gruppo di ricerca coordinato dalla Scuola di Alta Formazione EIS - Università LUMSA, ho presentato lo strumento 'Rubrica' che abbiamo messo progressivamente a punto attraverso l’analisi di diversi progetti presenti nella piattaforma Scholas.
Uno strumento pensato dal punto di vista di una Università che:
• si percepisce, pensa e agisce come parte integrante di una comunità, più ampia, pienamente consapevole dell’importanza del lavoro di rete con gli altri attori di diversi ambiti (pubblico/privato, profit/non profit, formale/informale).
• è capace di dialogare con la Comunità (parlare la lingua della Comunità) e diventa testimone di una vera integrazione ( ‘Integrare non è solo compito della Scuola e o dell’Università ma di tutta la comunità educante – Papa Francesco)
• è capace di ‘vedere’ e attivare Reti nella Comunità, quali luoghi di incontro nei quali ogni membro si arricchisce attraverso le molteplici relazioni che ognuno sviluppa e condivide. Progressione di coinvolgimento.
• è facilitatrice, promotrice, agente di trasformazione che cresce con e grazie ai ‘ponti’ creati con gli altri attori. L’impegno a trasformare la realtà si traduce anche in apprendimento della stessa comunità professionale (reciprocità).
Nicola Andrian

quarta-feira, 1 de junho de 2016

Da un sogno di Papa Francesco ... "Tra l'Università e la Scuola: un muro o un ponte” - Seminario Scholas Occurrentis e Scuola di Alta formazione EIS della LUMSA, Roma

Si è concluso ieri il seminario mondiale "Tra l'Università e la Scuola: un muro o un ponte” organizzato dalla fondazione Scholas Occurrentes insieme alla Scuola di Alta Formazione EIS, della LUMSA di Roma, e realizzato alla Pontificia Accademia della Scienze, in Vaticano.






Una cinquantina di Università di tutto il mondo si sono riunite per dar vita ad una proposta rivoluzionaria di Papa Francesco, una rete delle reti che si svilupperà attraverso collaborazioni fra Atenei, scuole e progetti sociali nei cinque continenti.





Gli obiettivi del seminario in sintesi sono stati quelli di conoscere ed approfondire il pensiero educativo di Papa Francesco a livello accademico, dare impulso al dialogo fra le Università e le scuole attraverso la consulenza fornita ai progetti Scholas.social e assumersi impegni reali finalizzati alla ricostruzione del “Patto educativo”.
Il terzo giorno, domenica 29 maggio, si sono presentati a Papa Francesco gli esiti dei lavori e i concreti impegni sottoscritti da Università di tutto il mondo, di tutte le culture, di tutte le religioni.
Usando le parole del Prof. Italo Fiorin, direttore della EIS: “Alla terza guerra mondiale che si presenta come 'guerra a pezzi' , vogliamo rispondere costruendo 'pezzi' di mondo nuovo. L'educazione è il più potente strumento del mondo, gli educatori l'esercito più grande. Ciascuno è qui a condividere un sogno, lo stesso sogno per chi è ebreo o mussulmano, per chi è cattolico, per chi non ha una fede religiosa che lo sostiene. Tutti abbiamo risposto alla convocazione di un grande Maestro, capace di parlare a tutti e ricordarci che il cambiamento possibile ha bisogno delle nostre menti, delle nostre mani, del nostro cuore.”.


E per quanto riguarda me??
A nome dell'equipe coordinata dalla EIS, ho presentato il lavoro di ricerca sui progetti della piattaforma Scholas.social, raccontando anche un pezzo di storia del Progetto BEA (In Streaming seguito in diretta anche da Petrolina, Brasile)
... fatico ancora a trovare le parole per descrivere questa esperienza, ciò che ho vissuto, sentito, provato ...
Desidero solo ringraziare.

Nicola Andrian




Nelle foto assieme al Prof. Italo Fiorin, Direttore della Scuola di Alta formazione EIS di Roma e ai colleghi dell’Equipe di ricerca: Carina Rossa EIS – LUMSA, Roma, Egle Basyte Ferrari – Università di Bologna e Stefano Bonometti – Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano – sede Brescia.





Assieme al Prof. Furco dell’Università del Minnesota, massimo esperto del Service Learning, Maria Nieves Tapia Direttrice generale del Centro CLAYSS di Buenos Aires (Aprendizaje y Servico) e il Prof. Giuseppe Milan, mio supervisore di dottorato.